Aphelandra

APHELANDRA SQUARROSA 
  •  aspetto: pianta sempreverde, foglie e infiorescenze molto ornamentali
  • utilizzazioni: piante da serra o da appartamento
  • terreno: composta da vasi John Innes n° 2
  • piantagione: marzo
  • moltiplicazione: dopo la fioritura, si taglia il fusto all'altezza di un paio di foglie, per stimolare la formazione dei germogli laterali all'ascella delle foglie: Si tagliano questi germogli quando sono lunghi 8-10 cm e si fanno delle talee. Queste si piantano in un miscuglio di parti uguali di torba e sabbia, alla temperatura di 21°C, in letto caldo; quando si sono formate le radici, si trapiantano in vasi del diametro 7-8 cm
  • annaffiatura: frequente durante il periodo vegetativo, da ottobre a marzo vanno tenute umide
  • concimazione: in estate con concime liquido ogni settimana, nelle altre stagioni ogni 15 giorni
  • parassiti: cocciniglie, applicare prodotti a base di oli bianchi attivati con esteri fosforici (paration) oppure con prodotti a base di polisolfuri di calcio e di bario. Applicare durante il riposo vegetativo della pianta.
  • fisiopatie: comparsa di chiazze di chiazze marrone sulle foglie e caduta prematura; la causa è da ricercare in una irregolare innaffiatura o nell'esposizione a correnti d'aria


Articoli correlati