Diamante mandarino (Taeniopygia guttata castanotis)


Di origine australiana, questo decorativo uccellino lungo 10 cm, emette un gradevole cinguettio. Molto belli i colori dei mandarini comuni, ma più apprezzati i mandarini "isabella" e "bianchi".

 Caratteristiche. Robusto ed elegante, il diamante mandarino si riproduce facilmente in gabbia senza cure particolari; la femmina è meno bella del maschio ma pur sempre graziosa; il mandarino di colore bianco è molto delicato; esiste inoltre il mandarino bianco e nero macchiato come un pinguino e quello bianco con dorso castano.

Indole. Questo variopinto uccellino, vivace e intelligente, si affeziona all'allevatore e mostra di riconoscere la persona che gli reca abitualmente il cibo; non ama molto la compagnia di uccelli di altra razza.

Cure. Evitare gli sbalzi di temperatura e far si che nella gabbia non manchi mai la vaschetta con l'acqua fresca per il bagnetto; risultano malsani gli ambienti ricchi di umidità atmosferica, come le cucine.

Cibo. La stessa miscela indicata per i diamanti del Gould è adatta anche per il mandarino curando il costante rifornimento della frutta, soprattutto di provenienza esotica; lavare sempre ed asciugare accuratamente la verdura, la frutta deve essere sbucciata.

Malattie. Sono possibili raffreddore, polmonite e raucedine e in genere tutte le malattie provocate da sbalzi di temperatura; stare anche molto attenti alle forme di anemia e alle infiammazioni degli occhi.


torna al menu...Canarini